logoblog

Domenica 16 Giugno 2019
Logo Fondazione CRTLogo Eta Beta
Venerdì, 29 Marzo 2013 14:56

Prigioni. Amministrare la sofferenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il carcere vive un momento molto difficile, ma non è cosa nuova. È la sua stessa struttura che pone il problema se le difficoltà di gestione derivano dalle caratteristiche dei soggetti detenuti o, piuttosto, dalle caratteristiche proprie della struttura.

Ma, pur in questa difficoltà di sempre, ci sono alternative alla attuale situazione di crisi gravissima? A interrogarsi sul punto è un dirigente dell'Amministrazione penitenziaria, già direttore della Casa circondariale di Torino (una struttura con oltre 1.500 posti e presenze elevatissime di assuntori di stupefacenti e di migranti), che guida il lettore in un viaggio nel sistema carcerario italiano con le sue intrinseche complicazioni, rigidità (legislative e non) e contraddizioni, al termine del quale intravede possibili aperture, non solo sull'organizzazione del carcere, ma anche su un diverso modo di pensare la punizione.

L'autore inizia con l'estrapolare i concetti e i principi che la letteratura fornisce per inquadrare i meccanismi più salienti della dinamica penitenziaria; successivamente indica e descrive i profili dei vari attori che partecipano, direttamente o indirettamente, ai processi decisionali che danno forma all'organizzazione penitenziaria, con specifico riferimento al carcere torinese. A partire da questi attori e dalle loro caratteristiche, il testo riflette sulle influenze organizzative e sulle strategie che ognuno di essi può attivare per orientare le scelte organizzative. In ultimo, vengono descritti alcuni meccanismi di mediazione tra i vari interessi intra ed extra organizzativi utilizzati concretamente per generare iniziative che hanno dato luogo affetti penitenziari meno inutilmente afflittivi e più conformi allo spirito costituzionale e ordinamentale.

Prigioni. Amministrare la sofferenza
Autore: Buffa Pietro
Prezzo: € 18,00
Editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele (collana Le staffette), 296 p., brossura, 2013

Informazioni:
Edizioni Gruppo Abele
Tel: 0113859500
Fax: 011389881
www.gruppoabele.org